Convegno Randolfo Pacciardi

Data: 14/05/2012

Presso l’Aula Magna del Polo Universitario Grossetano si è svolto il convegno sulla figura di Randolfo Pacciardi un grande maremmano ,nato a Giuncarico Comune di Gavorrano nel 1899 e morto a Roma nel 1991. Pacciardi ha rappresentato uno dei più illustri politici del dopoguerra. Personaggio troppo presto dimenticato e forse in anticipo per il periodo che ha caratterizzato la sua azione politica ed istituzionale. I lavori condotti dall’antropologo culturale Paolo Pisani alla presenza di un nutrito ed attento pubblico di cittadini,alcuni dei quali già estimatori del messaggio politico pacciardiano,sono stati aperti dal Antonio De Martini Presidente dell’Unione Democratica per la Nuova Repubblica e uno dei maggiori collaboratori di Pacciardi anche a livello ministeriale.Antonio De Martini ha illustrato l’azione politica e la vita di Randolfo Pacciardi partendo dalla guerra civile spagnola, proseguendo poi analizzando la fase della ricomposizione democratica della Repubblica Italiana, la sua esperienza governativa e soffermandosi particolarmente anche sulla scelta politica auspicante la riforma costituzionale in senso presidenziale.De Martini ha presentato Pacciardi come un ricostruttore per la casa degli Italiani ed un grande avversario dell’ideologie fascista e comunista,e ne ha esaltato anche la lealtà verso gli amici e l’onestà intellettuale. La figura di Pacciardi uomo e concittadino è stata approfondita da Mario Luzzetti,noto professionista ed intellettuale,che per molti anni è stato tra gli amici e referenti politici locali più vicini.Luzzetti ha sottolineato il carattere forte di Pacciardi riportando aneddoti dei suoi rapporti familiari in Grosseto , ha parlato delle attività politiche del periodo che caratterizzarono la comunità locale ed il distacco di Pacciardi dalle aspirazioni di arricchimento personale sul piano economico. La figura di Randolfo Pacciardi come personaggio letterario è stata analizzata dal Stefano Adami, professore universitario che ha sottolineato come la sua vita avventurosa sia stata ispirazione di storie,di personaggi letterari e cinematografici,esaltandone le caratteristiche di una figura concreta, ma anche artistica,proiettata verso un continuo anelito di giustizia e libertà.